Wiko View 2: smartphone economico, moderno ma con problemi

La gamma di smartphone di punta Wiko è la serie View che si basa sul Wiko View 2 per dar vita a tutte le varianti. Dopo averlo testato l’ho trovato uno smartphone economico, moderno ma con problemi.

Iniziamo dalla scatola dove all’interno troviamo lo smartphone, l’alimentatore da 1,55A con il cavo di ricarica/trasferimento dati USB – micro-USB e la spilla per aprire lo slot della SIM e MicroSD.

Il design dello smartphone si presenta moderno e uguale a molti altri presentati quest’anno. I materiali utilizzati non li ho trovati di buona qualità, la backcover si graffia facilmente e in alcuni punti il colore iniziava a schiarire. Ho trovato comodi però i bordi arrotondati del display.

Troviamo ai lati il bilancere del volume e il tasto di accensione/blocco/spegnimento ruvido per una sensazione diversa al tatto. Nella parte posteriore in alto a sinistra la fotocamera e il flash in verticale.

Wiko View 2

Nella parte anteriore troviamo il display con un piccolo notch superiore, con bordi di poco sottili, IPS da 6 pollici in 19:9 HD+ (1528 x 720), 288PPI. Display che ho trovato di buona qualità, con buoni colori e una discreta luminosità sotto la luce del sole. Comodi i bordi del display leggermene arrotondati per una presa piú ergonomica.

Dopo la prima accensione e la configurazione se ci teniamo alla sicurezza del nostro smartphone, ci troviamo davanti tre modalità di blocchi: il semplice codice, il sensore di impronte digitali o il riconoscimento del volto.

Durante la mia esperienza con questo Wiko View 2 l’unico sistema di sicurezza che ho potuto utilizzare senza problemi é il codice. Questo perché il sensore di impronte digitali risulta molto lento e spesso non funzionante e il riconoscimento del volto se attivo sblocca il dispositivo dopo qualche secondo anche se non stiamo inquadrando il volto registrato.

Wiko View 2

Il sistema operativo di questo Wiko View 2 è Android 8.0 “Stock” cioè la pura esperienza Google con nessuna personalizzazione di terze parti. Risulta semplice, fluido e ben ottimizzato.

Ottimizzato anche per il notch nelle applicazioni di sistema ma non per alcune applicazioni del Play Store.

Wiko View 2

Lo smartphone è dotato di un processore Qualcomm Snapdragon 435 con GPU Adreno 505 e 3GB di Ram. Specifiche che tutto sommato fanno si che giri abbastanza bene, con qualche rallentamento anche importante di tanto in tanto anche se riesce a far girare applicazioni piuttosto pesanti.

Analizzando il comparto fotografico troviamo una caratteristica fotocamera anteriore da ben 16MP f/2.0 e una fotocamera posteriore da 13MP f/2.0. 

Foto che ho trovato positive rispetto ad altre carattistiche dello smartphone, sia dalla fotocamera anteriore che posteriore. Bene la funzione ritratto della fotocamera anteriore che aggiunge un effetto bokeh software alle nostre foto, le funzioni AI, in generale Selfie di buona qualità.

Anche la fotocamera posteriore scatta foto discrete, anche in condizioni di scarsa luminosità, con buoni dettagli e colori.

Un’altra caratteristica positiva di questo Wiko View 2 è la batteria. Quest’ultima è da 3000mAh e garantisce 6h 47min di schermo accesso con un utilizzo pesante. L’alimentatore fornito in confezione ricarica questa batteria in circa 2h 33min.

Si passa da caratteristiche positive a problemi che ho riscontrato che penalizzano questo smartphone. Il problema di cui sto parlando è il wifi che ha velocità di rete molto molto basse e dunque non ci permette di utilizzare al meglio le applicazioni che richiedono la rete e ci costringe ad utilizzare la rete mobile che riesce ad offrire velocità più elevate.

Per finire, audio che risulta potente sia dalla cassa principale che dalla capsula auricolare, ma quando riproduciamo al massimo volume il dispositivo vibra e lo trovo fastidioso da tenere in mano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *