Hardware al top ma con un prezzo alla portata di tutti: Aquaris X5 Plus di casa BQ! – Recensione | Video

Hardware al top per questo 2016 ma con un prezzo alla portata di tutti rispetto ai recenti top di gamma, stiamo parlando di Aquaris X5 Plus di casa BQ!

All’interno della scatola troviamo lo smartphone, delle manualistiche, la spilla per aprire gli slot delle sim e della micro sd, il cavo usb/micro usb per la ricarica e trasferimento dati ma niente alimentatore, BQ adotta questa politica per l’ecologia proprio perchè è dell’idea che oggi giorno ognuno di noi ha in casa almeno un alimentatore per smartphone.

 

Abbiamo un design davvero bello, sinceramente con questo retro nero opaco BQ mi ha messo in difficoltà nel trovargli un difetto ma comunque, abbiamo appunto nel retro una scocca si in plastica ma di ottima qualità, leggermente curvata ai bordi laterali per facilitare la presa e con il mercato smartphone che utilizza backcover sempre più solo in vetro che danno la sensazione di graffiarsi solo guardandoli, ben accetta la scelta di BQ. Nel retro troviamo in risalto il logo bq, subito sopra il lettore di impronte digitali con una sottile cornice circolare in metallo e ancora sopra la fotocamera posteriore da 16MP con abbinato il Dual Ton Flash.​Nei bordi troviamo il tasto sblocco accensione/spegnimento, i tasti per regolare il volume, lo slot per inserire una micro SD fino a 256 GB, un connettore jack da 3.5mm, un connettore micro usb per la ricarica o trasferimento dati, un microfono, uno speaker e per finire lo slot per inserire fino a due nanoSIM. Nella parte frontale troviamo un led di notifica rgb, la fotocamera frontale da 8MP e il secondo speaker.


Accensione non proprio velocissima, dopo l’accensione per il primo sblocco ci chiede il PIN o la Sequenza, dal primo in poi potremo utilizzare il lettore delle impronte digitali per sbloccare lo smartphone. Lettore delle impronte digitali diciamo bene non benissimo, riceveremo un feed con due vibrazioni quando l’impronta non è stata riconosciuta e una quando è riconosciuta, in situazioni normali con mani abbastanza pulite è funzionante circa 8 volte su 10 ma nel complesso è preciso e reattivo.

Possiamo notare subito i pulsanti a scocca non a display con retroilluminazione non sempre attiva ma che si attva solo quando li utilizziamo, neanche quando utilizziamo il display.


Display IPS protetto da tecnologia Dinorex glass da 5 pollici, 16:9 con risoluzione Full HD 1920×1080 e una densità per pollice di 440ppi. Luminosità da 620 Nits che rende questo display ben visibile anche sotto la luce del sole.

​Parlando di luminosità, accanto alla fotocamera frontale troviamo il sensore di luminosità che in base alla luce esterna cambia il livello di luminosità del display. A mio parere troppo sensibile e causa un cambio di luminosità troppo frequente, sopratutto in situazioni come auto, treno ecc ecc. Per finire sul display, include la tencologia Quantum Color+ che porta una gamma più ampia di colori rispetto agli schermi tradizionali a LED.


Come avrete già capito abbiamo un sistema operativo android versione 6.0.1 con interfaccia quasi completamente stock. Impostazioni abbastanza semplici, vi parlo di alcune funzionalità, se andiamo in “Utenti” abbiamo praticamente la possibilità proprio come windows di creare diversi utenti e in base all’utente che si sceglie avere completamente un altro telefono con nuovi dati, app ecc ecc, ma anche senza creare un nuovo utente possiamo semplicemente utilizzare l’utente “Ospite” per magari prestare il telefono ad un amico senza che possa vedere i nostri dati.
​Se andiamo invece in Audio e notifiche oltre alla possibilità di equalizzare manualmente l’audio, abbiamo la possibilità di modificare il led RGB scegliendo un colore diverso e una modalità di Lampeggio diverso per le notifiche di ogni applicazione.

Tornando un attimo indietro è un device che si tiene molto bene in mano, come dimensioni abbiamo 70mm di larghezza, 145 di altezza e 7,7mm di spessore, il tutto con un peso di 145g. Utilizzo ad una mano un po’ limitato ma per semplici azioni, nessun problema.

Batteria assolutamente promossa, non estraibile, lipo da 3200mAh. Ando a vedere lo screenshot del grafico durante la giornata stress, CLICCA QUI per raggiungere l’articolo con la diretta live di tutta la giornata stress, Come potete vedere scaricamento abbastanza uniforme, l’ho utilizzato davvero parecchio dalle 7:00 di mattina mi ha portato fino alle 00:15 con l’1% di batteria. Abbiamo fatto 4 ore e 38 min di schermo acceso. Durante la giornata stress non ho utilizzato il risparmio energetico ma se andiamo nelle impostazioni batteria tap sulle tre lineette e potremo attivare il risparmio energetico.

Parliamo di fotocamera, nella parte posteriore abbiamo un sensore Sony da 16MP a 6 lenti con apertura f2.0, capace di registrare video con risoluzione massima 4K a 30fps, slow motion in 720p a 120 fps e foto abbastanza di qualità anche in formato RAW. Autofocus non proprio velocissimo e video o foto con un pò di rumore in condizione di scarsa luminosità. Nella parte frontale invece abbiamo un sensore Sony da 8 MP anche lui con apertura f2.0. Funzionalità molto utile è il Selfie Indicator che praticamente nell’applicazione fotocamera preinstallata, nel momento in cui attiviamo la fotocamera frontale, visualizzeremo una piccola anteprima che ci indica dove guardare per avere gli occhi rivolti verso la fotocamera, nel complesso impostazioni della fotocamera come qualunque altro top di gamma.

Nell’utilizzo tra le app nonostante andiamo ad utilizzare parecchie applicazioni è abbastanza reattivo, browser che non ha mai avuto alcun lag, è molto fluido e si utilizza davvero bene. Provando anche ad avviare un gioco con grafica 3D che va a spremere la CPU e la GPU dello smartphone ma anche questo avvio molto rapido e utilizzo fluido senza problemi.

Tastiera che si utilizza complessivamente molto bene, correzioni quasi sempre azzeccate se non fosse solo per un piccolo bug abbastanza strano che praticamente se andiamo a scrivere ad esempio “quando e”, la tastiera pensa che vogliamo scrivere “e” (verbo) con l’accento e la corregge ma se noi invece vogliamo scrivere “e” (congiunzione) senza accento ci costringe a scriverla con l’accento. Ma comunque un piccolo bug.

Parte telefonica con volume abbastanza alto e riproduzione della voce molto chiara. Durante questi giorni non ho avuto nessun problema di ricezione anzi rispetto ad altri smartphone predeva qualche tacca in più.

Qualità dell’audio abbastanza buona, vi ricordo che è possibile tramite le impostazioni equalizzare l’audio a proprio piacere e volume che mi ha davvero sorpreso per la sua potenza.


Andiamo a concludere con quello che piace hai più smanettoni, riassumiamo un pò quello che è il comparto hardware e la connettività: abbiamo una CPU Snapdragon 652 octa-core da 1.8GHz, cooprocessore grafico Adreno 510 da 600MHz, 2GB di ram, 16Gb di storage interno e ovviamente i vari sensori. Hardware che complessivamente non scalda molto abbiamo una media di 35 gradi che si alza un po’ solo con un utilizzo molto intenso. Come connettività supporta il 4G LTE, Wifi che mi ha dato un po di problemi di stabilità, ha banda 802.11 da 2.4GHz e 5GHz, Bluetooth 4.1, NFC e per concludere GPS con anche il sistema satelittare GLONASS e GALILEO.

Per concludere, bq è un brand che nasce abbastanza recentemente, infatti nasce nel 2009, ma devo dire che nonostante ciò con questo nuovo smartphone mi ha già conquistato, sarà questo nero opaco che io adoro, sarà la qualità costruttiva davvero ottima ma non posso non dire che a me questo Aquaris X5 Plus piace! Nel momento in cui sto pubblicando questa recensione, questo device ha un prezzo di 289 euro, che per l’hardware che troviamo al suo interno e  per la qualità dei materiali non è per niente eccessivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *