Xiaomi conquista il terzo posto nel mercato mondiale degli smartphone

La crescita di Xiaomi non si arresta. Nonostante il periodo delicato dovuto alla pandemia da COVID-19, l’ultimo rapporto Canalys (Q3 2020) conferma la scalata inarrestabile di Xiaomi che ha conquistato il terzo posto del podio della classifica dei top vendor per smartphone distribuiti nel terzo trimestre del 2020 nel mercato mondiale.

xiaomi terzo posto mercato smartphone

Siamo orgogliosi di questo traguardo raggiunto, nonostante il periodo davvero delicato che tutti noi stiamo vivendo. Questa è un’ulteriore dimostrazione dell’impegno e della passione con cui operiamo per mantenere le promesse fatte. Nel prossimo decennio continueremo a lavorare seguendo i nostri principi guida, non smettendo quindi mai di ricercare innovazione e di esplorare nuove strade per offrire la migliore tecnologia al miglior rapporto qualità-prezzo. Vogliamo soprattutto ringraziare i nostri fan per la fiducia dimostrata nella nostra azienda e nei nostri prodotti perché senza di loro non saremmo riusciti a raggiungere un risultato così eccezionale.”

Leonardo Liu, General Manager di Xiaomi Italia.

Inoltre, secondo i risultati preliminari pubblicati da IDC nel Worldwide Quarterly Mobile Phone TrackerXiaomi ha spedito 46,5 milioni di dispositivi conquistando così il terzo posto a livello globale, battendo per la prima volta Apple con una quota di mercato del 13,1% e una crescita del 42,0%. Tutto questo grazie ai guadagni in India e alla forte e continua presenza in Cina, che ha rappresentato il 53% del volume di spedizioni dell’azienda nel Q3 2020.

Infine, un’ulteriore conferma arriva anche dal più recente studio Market Monitor Service di Counterpoint, da cui emerge che Xiaomi, oltre essere salita al terzo posto, è cresciuta del 75% QoQ conquistando il 13% delle quote di mercato smartphone del trimestre.

Leggi anche

TIM, WINDTRE e Vodafone regalano GB per la didattica a distanza

L’attuale Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolino, ha annunciato che per far fronte all’emergenza del COVID-19 che …