Intel usa l’intelligenza artificiale per salvare le barriera corallina

Accenture, Intel e la Fondazione Ambientale Sulubaaï hanno annunciato il Project: CORaiL, una soluzione basata sull’intelligenza artificiale (AI) per monitorare, caratterizzare e analizzare la resilienza della barriera corallina. Il Project: CORaiL è stato implementato nel maggio 2019 nella barriera corallina che circonda l’isola di Pangatalan nelle Filippine e ha raccolto circa 40.000 immagini, che sono state utilizzate dai ricercatori per misurare la salute della barriera corallina in tempo reale.

barriera corallina

Le barriere coralline sono tra gli ecosistemi più diversi al mondo, con più di 800 specie di coralli che forniscono habitat e rifugio a circa il 25% della vita marina globale. Le barriere coralline sono anche estremamente benefiche per l’uomo: proteggono le coste dalle tempeste tropicali, forniscono cibo e reddito a 1 miliardo di persone e generano 9,6 miliardi di dollari in turismo e attività ricreative ogni anno. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente però, le barriere coralline, sono in pericolo e si stanno rapidamente degradando a causa della pesca eccessiva, della pesca a strascico, del riscaldamento delle temperature e dello sviluppo costiero insostenibile.

L’abbondanza e la diversità dei pesci sono un importante indicatore della salute generale della barriera corallina. Le tradizionali attività di monitoraggio della barriera corallina coinvolgono i subacquei che raccolgono direttamente i dati sott’acqua o che catturano manualmente filmati e foto della barriera da analizzare in un secondo momento. Questi metodi sono ampiamente affidabili e utilizzati, ma presentano degli svantaggi: i subacquei possono interferire con il comportamento della fauna selvatica e influenzare involontariamente i risultati dei sondaggi e il tempo sott’acqua è limitato in quanto i subacquei possono spesso scattare foto e video solo per circa 30 minuti.

Gli ingegneri di Accenture, Sulubaaï e Intel hanno unito le loro competenze per Project: CORaiL con l’obiettivo di aiutare i ricercatori a ripristinare e integrare la barriera corallina degradata esistente nelle Filippine.

barriera corallina

In primo luogo, hanno costruito una protesi Sulu-Reef Prosthesis, una piattaforma sottomarina in cemento progettata da Sulubaaï per fornire un forte supporto ai frammenti di corallo instabili. La protesi Sulu-Reef incorpora al suo interno frammenti di corallo vivente che cresceranno e si espanderanno, fornendo un habitat ibrido per i pesci e la vita marina. Poi, hanno posizionato strategicamente delle videocamere subacquee intelligenti, dotate della Applied Intelligence Video Analytics Services Platform (VASP) di Accenture per rilevare e fotografare i pesci al loro passaggio. VASP utilizza l’IA per contare e classificare la vita marina, con i dati poi inviati a un cruscotto di superficie, dove fornisce analisi e tendenze ai ricercatori in tempo reale, consentendo loro di prendere decisioni guidate dai dati per proteggere la barriera corallina.

La soluzione VASP di Accenture è alimentata dai processori Intel Xeon, dalle schede di accelerazione programmabili Intel FPGA, dalla VPU Intel Movidius e dal toolkit Intel Distribution of OpenVINO.

barriera corallina

Gli ingegneri sono al lavoro sul progetto di prossima generazione che includerà una rete neurale convoluzionale ottimizzata e un alimentatore di backup. Stanno anche considerando l’uso di telecamere a infrarossi, che consentono la cattura video notturna per creare un quadro completo dell’ecosistema corallino. Ulteriori utilizzi potrebbero includere lo studio del tasso di migrazione dei pesci tropicali verso le acque più fredde e il monitoraggio delle intrusioni in aree sottomarine protette o soggette a restrizioni.

Leggi anche

Il Campanello Intelligente con Videocamera di Netatmo arriva in Italia

Netatmo, annuncia l’arrivo sul mercato italiano del Campanello Intelligente con Videocamera. Il dispositivo si connette …