Huawei supera Samsung e diventa il primo produttore di Smartphone in Italia!

Da molti sperato ma abbastanza inatteso, Huawei dal mese di Aprile, grazie anche alle vendite dell’Honor, è diventato il primo produttore di smartphone in Italia, superando Samsung e segnando un record per la storia del brand.

Huawei, Honor

Il produttore cinese, dopo anni passati nell’ombra ha deciso di rilanciare il brand e nel giro di 2/3 anni, con un all-in all’interno del mercato globale degli smartphone è riuscito a farsi spazio e ad ottenere ottimi risultati, prima acquisendo credibilità e consensi attraverso una fascia economica dei propri smartphone e nel giro di un anno si è buttata nella lotta per la vetta dando filo da torcere a Samsung e ad Apple.

In base alle statistiche raccolte, dal mese di Aprile Huawei ha raggiunto un enorme traguardo per il brand, spodestando dal podio la rivale Samsung, ottenendo così il “titolo” di primo produttore italiano.

I punti di forza che hanno permesso questo percorso ad Huawei sono i prodotti di buona qualità, onesto rapporto qualità/prezzo e le fotocamere che stanno facendo passi da gigante attirano una buona fetta di consumatori.

Huawei, Honor

Non possiamo sapere se d’ora in avanti sarà sempre rose e fiori per il brand, al momento però godiamoci questo sorpasso non solo se siamo dei “fan” della compagnia, ma dobbiamo essere contenti che le regole del mercato degli smartphone d’ora in poi non saranno dettate solamente da Samsung ed Apple che negli ultimi anni hanno lasciato andare un pò la mano con i prezzi dei nuovi modelli, visto che anche Huawei potrà tenere nelle mani le redini del mercato.

Sempre in guardia però, visto che un nuovo brand cinese sta cercando di farsi largo nel mercato europeo e Xiaomi ha tutte le carte in regola per ottenere un discreto successo e ritagliarsi la propria fetta di consumatori per poi cercare di concorrere nella parte alta del mercato.

 

Maggiori informazioni su Xiaomi:

Xiaomi: l’azienda cinese entra ufficialmente nel mercato Italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *