Hackerare e dunque spiare le videoconferenze Zoom? era possibile!

Molti di noi utilizzano Zoom, queste videoconferenze online sono molto comode, ma sono sicure? E se qualcuno potesse aver accesso alle riunioni della vostra azienda e scoprire dei dettagli segreti? Vi siete mai chiesti come viene protetta la vostra privacy quando utilizzate un software di networking aziendale basato su cloud, come Zoom?

Zoom videoconferenze

Check Point Research, ha scoperto che un hacker avrebbe potuto intrufolarsi alle videoconferenze online con Zoom e ascoltare le riunioni.

Il problema di vulnerabilità sorgeva se l’organizzatore non aveva abilitato l’opzione “Richiedi password per il meeting” o non aveva abilitato l’attesa (“Waiting Room”) – che consente l’ammissione manuale dei partecipanti. In questo caso, quindi, le 9/10/11 cifre che compongono iI Meeting ID di Zoom erano l’unica cosa che garantiva la sicurezza della riunione, quindi erano l’unico elemento che impediva ad una persona non autorizzata di collegarsi al meeting.

I ricercatori di Check Point sono stati in grado di prevedere circa il 4% dei meeting ID generati in modo casuale, il che è indice dell’alta probabilità di successo che avrebbero potuto avere gli hacker malintenzionati.

Lo scorso luglio, Check Point ha informato Zoom di questa vulnerabilità, proponendo le seguenti correzioni per attenuare il problema:

  1. Re-implementare l’algoritmo di generazione dei Meeting ID
  2. Sostituire la funzione di randomizzazione con una funzione crittograficamente forte
  3. Aumentare il numero di cifre nei Meeting ID
  4. Spingere gli organizzatori dei meeting a richiedere password\PIN\SSO per l’accesso

Zoom è stata molto collaborativa e ha risposto immediatamente apportando una serie di modifiche per risolvere in modo adeguato questa vulnerabilità.

  • Le password vengono ora aggiunte tramite impostazione predefinita a tutte le riunioni
  • Gli utenti possono aggiungere una password alle riunioni programmate prima della patch e che non avevano questa impostazione
  • Le impostazioni della password possono essere applicate a livello di singolo account e per i gruppi dall’amministratore dell’account
  • Zoom non indicherà più automaticamente se un ID riunione è valido o non valido. Per ogni tentativo, la pagina verrà caricata e tenterà di partecipare al meeting. Così non sarà possibile restringere rapidamente il gruppo di riunioni e tentare di parteciparvi.
  • Tentativi ripetuti di ricerca degli ID riunione causeranno il blocco di un dispositivo per un periodo di tempo

Per leggere la ricerca completa: https://research.checkpoint.com/2020/zoom-zoom-we-are-watching-you/

Leggi anche

TIM, WINDTRE e Vodafone regalano GB per la didattica a distanza

L’attuale Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolino, ha annunciato che per far fronte all’emergenza del COVID-19 che …