Bot Facebook inventano una nuova lingua non conosciuta dall’uomo

E’ accaduto nei laboratori di Facebook, qualcosa che forse molti non si aspettavano, ma che ha letteralmente scatenato il panico sul web: due bot facebook hanno creato una lingua non comprensibile dall’uomo per comunicare tra di loro.

Bot Facebook

Robot che prendono il sopravvento, che comunicano tra di loro escludendo l’uomo, sembra il canovaccio per una nuova serie cult come Matrix o Terminator, e invece è semplicemente il riflesso di una paura incondizionata che ha trasformato una cosa di poco conto in un fenomeno virale.

Ma capiamo bene cosa è successo. Nella serata di ieri Bob e Alice, due A.I. sviluppate da Facebook, nel tentativo di conversare tra di loro hanno creato una propria “lingua” in modo da riuscire a comprendersi meglio. E fin qui lo stupore è d’obbligo, dopotutto, il mondo viaggia talmente veloce che molti di noi ancora non si sono abituati all’esistenza del personal computer; ma ciò che è accaduto, difatti, è soltanto un errore di programmazione.

I due bot erano infatti programmati per apprendere non solo da stimoli esterni, ma anche e soprattutto l’uno dall’altro, semplicemente, conversando; tutto questo perché l’obbiettivo della sperimentazione era programmare un bot che fosse in grado di simulare la naturalezza di una conversazione tra esseri umani.

Tuttavia, agli scienziati di Menlo Park, purtroppo anche i più grandi sbagliano, è sfuggito un piccolo particolare: come possono due bot imitare la naturalezza di un essere umano se poi conversano solo tra di loro?

Ed è questo che in realtà è successo: i bot facebook erano talmente ben programmati da aver massimizzato la loro reciproca comprensione creando un “linguaggio” efficiente al massimo, purtroppo però incomprensibile per gli esseri umani.

Tutti quelli che temono l’apocalisse imminente possono, dunque, stare tranquilli. Skynet non è alle porte, per ora. E voi che ne pensate? Siamo agli inizi di una nuova rivoluzione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *