amazon black friday

Recensione Gotham Knights: fate spazio ai Vigilanti di Gotham


9 Novembre 2022

Quando parliamo di eroi unici che hanno fatto la storia videoludica e non, di certo un posto è sempre riservato per Batman, colui che con il suo comportamento scontroso, il mantello nero e gli accessori innovativi ha salvato più e più volte Gotham City dal non cadere definitivamente nel baratro. Warner Bros Games Montreal ha voluto creare un videogioco ambientato proprio nella stessa Gotham che per anni Batman ha protetto in lungo e in largo, ma per una conseguenza di eventi il suo tempo è finito e l’arduo compito della difesa della città di Gotham è finito nelle mani dei membri rimasti del team di Batman, giovani disposti a combattere ma che hanno ancora da imparare, i personaggi che potremo usare in Gotham Knights sono: Batgirl, Cappuccio Rosso, Robin e Nightwing.

Gotham Knights

Che cos’è il nuovo Gotham Knights?

Il nuovo videogioco di WB Games Montreal cerca di essere un qualcosa con una trama innovativa da portare all’attenzione del giocatore ma con una struttura di gioco vista e rivista, stiamo parlando di un genere GdR action open-world ambientato appunto nella città di Gotham che a causa della scomparsa di Batman sta ritornando totalmente nel caos. Le fazioni dei criminali stanno incominciando a riappropriarsi delle strade da cui sono state scacciate dall’eroe mascherato, la corruzione è tornata a crescere e le forze di polizia rimaste fedeli al distintivo si contano sulle dita e non riescono ad affrontare tutte le minacce che ci sono in città. Il compito di ristabilire la situazione è affidato a questi quattro giovani che Batman stava addestrando al suo fianco. Dopo la scomparsa di una figura come Batman però nulla sarà semplice per il suo team che si ritroverà ad affrontare drastiche situazioni e certe volte sarà essenziale un aiuto anche da parte di Alfred, per avere un consiglio e sbloccare le difficili situazioni che si creeranno.

La trama di gioco è tutta un mistero all’inizio, riusciremo a mettere insieme i primi pezzi del puzzle dopo svariate missioni che ci permetteranno di delineare il carattere dei nostri quattro personaggi giocabili e che cosa gli è successo in passato. Il nostro compito oltre ad essere quello di riportare ordine a Gotham, sarà quello di indagare indizio dopo inizio su alcune notizie e informazioni parziali che scopriremo, per far luce sul passato e cercare di capire il presente, ma non sarà così facile visto che la fama dei quattro giovani è ancora molto incerta e poche persone considerano i Vigilanti alleati visto che non riescono ancora ad incutere timore ai criminali. Nel caso in cui avete poca conoscenza dell’universo di Batman e di Gotham City, all’interno del gioco avremo a disposizione un database dettagliato (che ogni GdR open-world dovrebbe avere) in cui poter trovare informazioni relative alla storia dei personaggi, il territorio, le fazioni, i nemici e tanto altro. L’azione all’interno di Gotham Knights non mancherà sicuramente, tra combo, attacchi a distanza, abilità ed oggetti di gioco con cui interagire; molte volte avremo la possibilità di scegliere come approcciarci ad una missione e come raggiungere l’obiettivo, se procedere silenziosamente senza farci scoprire oppure tuffarci nella mischia tra schivate e attacchi rapidi per mettere a tappeto gli avversari; l’inquadratura dinamica quando andremo a mettere K.O gli avversari è molto soddisfacente. Purtroppo lo stile action sarebbe stato più completo con la possibilità di fare delle vere e proprie combo con combinazioni di tasti da premere, invece la fase di attacco e di difesa si limita tra attacchi leggeri e pesanti, a distanza, schivate e abilità da utilizzare. La possibilità di fare molte azioni in Stealth permette però di variare la classicità degli scontri, così che dovremo evitare di allertare i criminali e disabilitare i sistemi di sicurezza che ci complicano la buona riuscita della missione. Una “novità” interessante, seppur simile ad altri titoli è la “realtà aumentata“, una scansione del territorio dove è possibile individurare i nemici nei paraggi, indagare su determinati oggetti e scoprirne più informazioni, individuare i dispositivi di sicurezza nemici così da provare a disabilitarli o sfruttarli a nostro vantaggio.

La base operativa di Batman è andata distrutta, ora i Vigilanti si ritrovano nel Campanile, una base secondaria che non dispone di tutta la tecnologia che aveva Batman e che ha bisogno di una corposa risistemata, perciò con meno risorse a disposizione e meno entusiasmo, i quattro ragazzi staranno all’interno della base al giorno per fare il punto della situazione e iniziare il pattugliamento di Gotham City durante la notte. All’interno del Campanile, seppur in modo un pò confusionario perchè non abbiamo un vero proprio riscontro con che cosa possiamo interagire, potremo gestire la bacheca con gli indizi e i dossier per le missioni da affrontare, potenziarci (anche se lo potremo fare in qualsiasi momento dal menù di pausa) e allenarci nei comandi base e le mosse specifiche di ogni personaggio, oltre alla possibilità di cambiare il personaggio giocante con un semplice click, e poi? Pronti al pattugliamento.

L’open-world di Gotham deve ancora migliorare

Ci ritroviamo notte dopo notte a Gotham City sotto una pioggia incessante (nel vero senso della parola) che renderà l’ambiente notturno cupo e misterioso, le numerosi luci e sirene che girano per la città non bastano ad illuminare le strade, Gotham è il luogo ideale per rimanere nascosti nell’ombra e portare avanti le più pericolose attività criminali. Sfrecciando a tutta velocità tra le strade di Gotham oppure saltando da un tetto all’altro potremo completare i vari obiettivi di Gotham Knights. La batcycle sarà il nostro mezzo a due ruote per spostarci nelle strade tra gli sguardi stupiti dei civili e dei poliziotti, il sistema di guida sia nostro che degli NPC è stata completamente dimenticato nella fase di sviluppo forse, una guida macchinosa e troppo semplice, sembra di tornare nel periodo del primo Watch Dogs, l’impatto con gli oggetti o gli altri veicoli lasciano molto a desiderare. Un altro modo per spostarsi nella mappa è il rampino che permetterà di saltare da un tetto all’altro e progresso dopo progresso, dopo aver completato l’hacking di numerosi droni arriveranno anche i viaggi rapidi per spostarsi qua e là nelle varie zone di Gotham. E’ vero che l’interà città è ricca di strade e di tetti dove poter passare, ma per un open-world di alto livello questo non basta, giocando perderemo sempre di più la voglia di spostarci normalmente tra gli edifici di Gotham perchè non abbiamo nessuno stimolo o divertimento nel percorso a parte qualche divertente battuta dei cittadini. Le missioni secondarie in Gotham Knights sono numerose e variano di trama tra rapimenti, allarme bomba, aiutare gli agenti di polizia di Gotham e altre simili; sono missioni utili per il potenziamento dei nostri eroi e per ricevere sempre più indizi per prevenire i futuri crimini ma fino all’end-game non riescono a coinvolgere più di tanto e nell’esperienza di gioco preferiremo il più delle volte sfrecciare direttamente verso la nuova missione principale, completando le secondarie saltuariamente. Sebbene la mappa di gioco è strutturata anche con le più famosi strutture di Gotham con missioni al suo interno tra cui l’Arkham Asylum, il penitenziario di BlackGate e la statua di James Gordon, mancano altre attività dinamiche sparse per la mappa o luoghi di interesse che coinvolgono maggiormente il giocatore.

Graficamente Gotham Knights è molto soddisfacente, noi abbiamo messo mano sulla versione PC e partendo ad analizzare le cut-scene abbiamo dei dettagli curati egregiamente, proprio per essere pignoli i quattro eroi potevano essere dettagliati maggiormente nei volti. Durante il gameplay il gioco di luci di Gotham in risalto nel buio della notte rendono l’ambientazione della città molto immersiva, anche se durante le sfrecciate con la batcycle ci perdiamo molti dettagli, i riflessi della strada, la stessa pioggia che crea pozzanghere e batte incessantemente su Gotham è graficamente reale, gli NPC dei cittadini un pò meno; infine saltando da un tetto all’altro possiamo ammirare la maestosità di alcuni palazzi principali che dominano su Gotham tra cui anche la nostra base operativa, il Campanile. Sicuramente nella sua vastità il gioco non è esente da bug grafici e qualche imperfezione, alcuni riflessi non attivi, le finestre degli edifici che sembrano avere un effetto specchio invece filtrano un’immagine quasi 2D all’interno e durante gli scontri più frenetici, colpo a destra, salto, spostamento dell’inquadratura, effetto di attacco a sinistra, attacco a distanza, si riscontrano degli improvvisi sbalzi degli FPS che infastidiscono l’esperienza di gioco.

La componente GdR è stata ben strutturata

Con quattro personaggi giocabili a disposizione su Gotham Knights poteva essere una bella sfida implementare la componente GdR ma la missione per il team di Warner Bros Games Montreal è riuscita con successo, innanzitutto bisogna specificare che alla base dei personaggi c’è un sistema di livellamento basato sui punti esperienza in comune con tutti e quattro gli eroi, ovvero che non importerà il personaggio che utilizziamo maggiormente, tutti e quattro aumenteranno di livello guadagnando i punti esperienza da spendere per sbloccare nuove abilità. Ogni personaggio si basa su specifici stili di gioco, chi più per la fase Stealth come Robin, chi un ibrido tra attacchi e tecnologia come Batgirl, un Cappuccio Rosso in preda alla furia ideale per gli attacchi in mischia ed infine la figura più di supporto viene attribuita proprio a Nightwing. L’albero delle abilità di ognuno si divide in tre sottogruppi in base allo stile del personaggio, a seconda anche di come noi decideremo di giocare quel personaggio che abbiamo attivo potremo scegliere quali abilità assegnargli. Le abilità si dividono in passive, che ci permetteranno di ricevere permanentemente alcuni bonus delle statistiche oppure sbloccheranno nuove tipologie di attacco da poter utilizzare in diverse situazioni e abilità attive, chiamate anche “abilità di slancio“, le quali una volta sbloccate le dobbiamo assegnare ad un tasto specifico e potranno essere utilizzate solamente quando con attacchi e schivate perfette ricarichiamo la “barra dello slancio”. In comune tra i vari personaggi sono anche le risorse di gioco che troveremo durante le missioni e quando mandiamo K.O gli avversari, risorse che saranno molto utili per potenziare e creare nuovi pezzi di equipaggiamento tra cui nuove tute, nuove armi da mischia e da lancio. Le armi e le tute avranno un livello e una rarità oltre ad altre statistiche e bonus che renderanno ogni pezzo unico nel suo genere e adatto a diverse situazioni. Per ampliare sempre il lato GdR non possono mancare i Modchip, ovvero dei potenziamenti da inserire all’interno dell’equipaggiamento per aumentarne le statistiche. Potremo scegliere quindi liberamente di alternare di tanto in tanto i vari personaggi, oppure se siamo intenzionati a focalizzarci solo su due dei quattro disponibili, tutti saliranno di esperienza ma nell’inventario riceveremo solamente nuove armi e equipaggiamento solo per il personaggio che vestiamo i panni. Per quanto riguarda la componente GdR perciò, anche se il ramo delle abilità non è così ampio, ci sono numerosi aspetti da tenere sott’occhio e in cui sbizzarrirsi con varie combinazioni e cercando di creare oltre all’equipaggiamento più forte, anche lo stile che più ci aggrada, con un vasto catalogo di equipaggiamento e di rarità da scegliere al meglio per far fronte alla minaccia criminale di Gotham City.

L’elevato interesse della componente GdR si vede anche su come hanno creato un’ampia varietà di nemici, essendoci diverse fazioni da affrontare, ogni fazione ha diverse tipologie di nemici al suo interno con un unico stile di gioco, ad esempio gli avversari si divideranno in chi attacca a distanza con armi incendiarie o armi da fuoco, chi si concentra sugli attacchi corpo a corpo, chi nel supportare i compagni rianimandoli e curandoli oppure le truppe pesanti che si concentrano con una buona difesa e attacchi dirompenti difficili da interrompere e con danno ad area. Ogni tipologia di nemico avrà le sue debolezze e i suoi punti di forza che, una volta conosciuti possiamo sfruttarli per evitare di prendere troppi danni e metterli al tappeto più facilmente, perciò i combattimenti non saranno così semplici su questo lato, bisogna conoscere bene l’avversario per sapere come affrontarlo ed avere la meglio.

Conclusioni finali su Gotham Knights

Gotham Knights è sicuramente un videogioco che nel suo insieme è riuscito ad essere coinvolgente, divertente e frenetico. La possibilità di esplorare in lungo e in largo la città di Gotham è uno dei principali elementi di interesse per i giocatori ma l’open-world è stato poco sfrtuttato per la mancanza di contenuti al di fuori del contesto principale della storyline. Avere quattro eroi a disposizione è un’aspetto molto aprrezzato e la loro gestione è molto ben delineata con una struttura di potenziamento che permette di poter scegliere come evolvere le caratteristiche del personaggio in base allo stile di gioco che scegliamo. Graficamente è più che appagante, sicuramente nell’avventura in Gotham Knights ci fermeremo più volte ad ammirare una scena o a catturare uno scorcio dell’ambiente di gioco, quello che invece và sistemata il prima possibile è la fluidità di gioco, in un action di questo genere con gli scontri così frenetici, ed immersivi non si può accettare un’instabilità degli FPS. Sarebbe stato ancora meglio negli scontri aver la possibilità di eseguire combo più articolate, invece ci dobbiamo accontentare di uno stile di combattimento semplice ma divertente. La modalità co-op è ancora acerba ma permette di divertirci insieme ad un amico per affrontare le missioni e dare quattro calci ai criminali di Gotham, anche se mancano molte interazioni ideali per due persone, come delle scenografiche mosse finali di coppia, prese e K.O e altri elementi simili. Gotham Knights nel complesso è ben articolato, con una storia profonda e tante nuove caratteristiche di gioco da comprendere e sfruttare al meglio, da citare sicuramente il differente stile di gioco delle varie fazioni dei criminali, i Modchip e gli effetti elementali delle armi e delle tute che rendono il tutto più piacevolmente complesso ed efficiente.

Di seguito riepiloghiamo i principali aspetti positivi e negativi del gioco, ricordandovi che in questa pagina potete recuperare tutte le informazioni e i trailer pubblicati. Gotham Knights è disponibile su PlayStation 5, Xbox Series X/S e PC.

Aspetti positivi

  • Combattimenti frenetici e divertenti
  • Risoluzione grafica dei dettagli e dell’ambiente
    di alto livello
  • Componente GdR accurata con numerose caratteristiche
    da gestire per potenziare il personaggio, varietà dei nemici e costumi dei personaggi.
  • Ogni personaggio predilige diversi stili di gioco

Aspetti negativi

  • Esplorazione di Gotham City con pochi contenuti al di fuori delle missioni.
  • Instabilità della fluidità di gioco nelle situazioni più caotiche (FPS instabili)
  • Sistema di guida banale e macchinoso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *