Call of Duty Vanguard: Tanta freneticità ma poche novità nell’open Beta

Dopo la prima fase Alpha dedicata esclusivamente alla modalità Collina dei Campionidi Call of Duty Vanguard, con la nuova open Beta abbiamo avuto la possibilità di provare il comparto multigiocatore quasi in tutti i suoi aspetti che saranno nella release ufficiale. Le novità del nuovo Call of Duty Vanguard, come abbiamo avuto il presentimento nella prima prova, si sono rivelate abbastanza scarne di contenuto e perdonatemi il gioco di parole, poco innovative, però le nuove impostazioni con più giocatori permettono uno svago poco impegnativo che è sempre mancato.

L’armeria e le ricompense uccisioni

Quello che manca a prima vista nel nuovo Call of Duty Vanguard è quella rivoluzione tanto acclamata; da subito ci accorgiamo che quasi nulla è cambiato dai precedenti capitoli per quanto riguarda l’interfaccia grafica del menù dell’armeria, l’aspetto di personalizzazione delle armi è rimasto molto o meglio, troppo simile agli altri Call of Duty. Fra le nuove implementazioni riguardanti le ricompense uccisioni, degne di nota abbiamo la macchina mortale, ricompensa che ci permette di equipaggiare una grossa mitragliatrice dal potenziale devastante, la ricompensa “macchina da guerra invece ci assegnerà un lanciagranate dall’alta potenza di impatto, utile in particolare nelle modalità con tanti giocatori, pironauta invece richiama le vecchie ricompense per gli amanti del fuoco, assegnandoci un lanciafiamme per farci spazio tra le linee nemiche, ed infinecani da guerra” è una ricompensa molto fastidiosa per il team nemico, perchè quando meno te lo aspetti un branco di cani girovagherà per la mappa muovendosi molto velocemente per azzannarti.
Nota di merito per le nuove introduzioni dei potenziamenti da campo, la modalità warzone ha inserito all’interno di COD le piastre corazzate, le quali sono state inserite anche nel multiplayer di quest’ultimo capitolo con la funzionalità di potenziare la nostra corazza cosi da proteggere il corpo da qualche colpo in più del nemico, infine al posto della classica macchinina esplosiva raccomandata, nel nuovo capitolo abbiamo la “goliath” un piccolo cingolato telecomandato che esploderà quando lo azioniamo oppure allo scadere dei trenta secondi di autonomia.

La distruzione degli oggetti

Lo avevamo anticipato nella prima Alpha ache se l’avevamo vista solo parzialmente, la distruzione degli oggetti è la novità del nuovo Call of Duty Vanguard che ha la sua importanza all’interno delle partite, non solo perchè da quella sensazione maggiore di realismo ma permette di creare anche degli spazi ideali per poter vedere il nemico e sparare da una posizione più nascosta; Ciò è possibile perchè con la distruzione di porte e finestre, sarà più facile per i cecchini e non solo, vederci arrivare da dietro le porte e sopraffarci da piccoli spazi nel legno. Tutti i materiali distruttibili vengono attraversati facilmente da qualsiasi proiettile perciò come riparo se siamo sotto il fuoco nemico sono da evitare assolutamente.

Call of Duty Vanguard

Le modalità di gioco

Durante la fase Alpha, la nuova modalità che abbiamo visto è stata Collina dei Campioni della quale ne abbiamo parlato nel nostro articolo, con questa fase Beta invece abbiamo avuto la possibilità di provare tutte le altre modalità di gioco, rivedendo le più classiche tra cui Deatmatch, Uccisione Confermata e Dominio, come novità abbiamo potuto provare Pattuglia, modalità dove il nostro compito è quello di rimanere all’interno di un punto di controllo mobile sulla mappa, controllando questo punto dinamico si guadagnano i punti per la vittoria; essendo un punto in costante movimento il respawn nostro e degli avversari cambierà in base alla posizione del luogo da pattugliare, costringendo chi difende, di dover controllare ogni angolo per anticipare il nemico. La nuova opzione rivoluzionaria di questo Call of Duty Vanguard è l’impostazione del ritmo di battaglia, potremo scegliere nei filtri pre partita, tre differenti tipi di ritmo di battaglia, quello Tattico è il classico ritmo della serie di COD, dove parteciperemo alle classiche partite 6vs6, con il ritmo Assalto la situazione inizia a farsi più frenetica, le partite che faremo saranno composte tra i 20 e i 28 giocatori, forse il metodo migliore per vivere la vera essenza della battaglia; concludiamo con Blitz, la modalità dove sopravvivere sarà quasi impossibile, qui il risultato personale conta poco, le partite saranno composte dai 28 e 48 giocatori dove verremo stravolti da devastanti piogge di proiettili e di colpi di mortaio che ci impediranno di sopravvivere per più di 5 secondi, questa modalità è proprio se avete voglia di divertirvi sparando a raffica, senza troppo impegno e senza seguire quello che è l’obiettivo della partita, perchè con così tante persone l’unica cosa che conta è sparare!

Stile di gioco più frenetico

Modalità di gioco e ritmo di battaglia a parte,dalla Beta di questo nuovo Call of Duty Vanguard sembrerebbe che lo stile di gioco è cambiato in confronto ai precedenti titoli; gli scontri sono diventati più frenetici e rapidi, questo perchè il rateo delle armi sembra molto più elevato e i danni che infliggiamo con un singolo colpo sembrano molto più alti, così che riusciamo ad uccidere il nemico in breve tempo. Questo particolare non sappiamo se cambierà con la release ufficiale ma sembrerebbe essere stato ideato cosi da avvantaggiare i nuovi arrivati nel genere degli sparatutto, garantendo anche con una mira poco precisa, una facile uccisione.

Call of Duty Vanguard

Cosa aspettarci dal nuovo capitolo?

In conclusione, dopo aver espresso i nostri pareri sull’open Beta, dalla release ufficiale di Call of Duty Vanguard ci aspettiamo di vedere anche per quest’anno il solito Call of Duty che ci stanno riproponendo negli ultimi anni, qualche contentino grafico ci sarà in particolare per la next-gen ma nulla da lasciarci a bocca aperta. Personalmente, questa rivoluzione di cui tutti parlavano non l’ho trovata in modo così accentuato, la delusione più grande è stata quella di rivedere un’interfaccia grafica troppo simile a quella dei precedenti capitoli, senza un briciolo di novità e unicità, rimanendo sempre con la speranza di un cambiamento sul filo del rasoio per vedere qualcosa di nuovo nella versione del 5 novembre. Questo nuovo stile di gioco più frenetico è da testare approfonditamente, sicuramente introduce una modifica nel classico stile di gioco che ormai prediligeva i famosi camper e coloro che giocano in modo statico, però bisogna capire se questo cambiamento gioverà per la community di Call of Duty sulla lunga, oppure se diventerà un gioco corri e spara per eludere i proiettili ed eliminare il nemico cadendo nella banalità e rovinando quello che è il vero spirito di Call of Duty.

Vi ricordiamo che la durata l’open Beta dedicata a tutte le piattaforme disponibili è stata prolungata di due giorni per tutti coloro che non sono riusciti a giocare durante il week-end, infatti la nuova data di chiusura dell’open Beta sarà mercoledì 22 settembre alle ore 19:00, inoltre vi ricordiamo che Call of Duty Vanguard sarà rilasciato il 5 novembre 2021.

Total
0
Shares