Battlefield 2042, il nuovo cortometraggio “Exodus” racconta l’inizio della guerra

Il nuovo titolo di DICE e Electronic Arts, Battlefield 2042, continua il suo percorso di rivelarsi al pubblico. Il cortometraggio Exodus” come i precedenti cortometraggi pubblicati, ha il compito di aggiungere un pezzo del puzzle della storia di Battlefield 2042 e di presentare un nuovo Specialista, il quale, insieme agli altri 10 che verranno presentati di volta in volta, sarà selezionabile durante le partite in multiplayer. Vi ricordo che, anche se questi cortometraggi possono far credere ad una vera e propria campagna che si esprimerà all’interno del gioco, la realtà è un altra visto che non ci sarà una campagna in single player, perchè questi video serviranno per fornire ai videogiocatori informazioni sul mondo di gioco, l’ambientazione e il perché di questi conflitti, per poi sfoggiare tutte le sue potenzialità nel multigiocatore del nuovo Battlefield.

Il nuovo cortometraggio “Exodus”, introduce la storia del nuovo Specialista Kimble “Irish” Graves, interpretato da Michael K. William, stesso personaggio che abbiamo visto all’interno di Battlefield 4, ma questa volta Irish, in Battlefield 2042 non sarà schierato per una nazione ma combatterà per i Senza Patria. Se vi state chiedendo chi sono questi Senza Patria facciamo un passo indietro, ci ritroviamo nel 2042, il mondo è colpito dal cambiamento climatico e da un importante blackout globale che ha messo k.o e tutti i sistemi di comunicazione, la Russia e gli Stati Uniti d’America si incolpano a vicenda e sono sul piede di guerra, intanto il resto del mondo è completamente andato a rotoli, le nazioni unite non esistono più ed i sopravvissuti si sono uniti in un’unica fazione, i Senza Patria.

Questi Senza Patria, come lo Specialista Irish non combattono per nessuna delle due fazioni, ma lottano ogni giorno per la sopravvivenza visto che non sono visti di buon occhio da nessuno; oltre ai nemici esterni, devono stare attenti anche a quelli interni, visto che la fazione dei Senza Patria è divisa in tanti altri gruppi, ognuno con il suo ideale e con la sua strategia. Quello che ha in mano il potere più di tutti all’interno dei Senza Patria e che cerca di gestire le varie divisioni è questo nuovo nemico “Oz“, il quale oltre a comandare ha in mente un piano per far scatenare la guerra tra Russia e Stati Uniti, Irish farà di tutto per cercare di evitare l’inizio della guerra.

Con questo Battlefield 2042, si vede come DICE e Electronic Arts abbiano voluto rompere gli schemi dei classici sparatutto, portando nel mercato videoludico un titolo solo multiplayer, ma che ha una storia sulle spalle da raccontare, così da spiegare ai giocatori per chi e per cosa stanno combattendo nelle loro partite in multigiocatore. Sicuramente questa nuova strategia è un azzardo che al momento sta catturando molto interesse, una volta uscito e rodato il nuovo Battlefield 2042 vedremo se questa mossa sarà stata vincente per far rivalutare il brand Battlefield oppure se bisognerà ancora lavorarci sopra. Voi cosa ne pensate?

Battlefield 2042